A Chiaramonte Gulfi la Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo

Si terrà a Chiaramonte Gulfi, domenica 31 Marzo 2019, presso l’auditorium Santa Teresa, un incontro di sensibilizzazione in prossimità della “Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo” organizzato dall’Associazione socioculturale Namastè in collaborazione con Youpolis Sicilia (Laboratorio di Chiaramonte Gulfi) e la Consulta dei Giovani di Chiaramonte Gulfi. “La disabilità è, ormai da molti anni, uno dei temi fondamentali dell’Associazione Namastè – spiega il presidente Daniela Lucifora. In particolare, abbiamo focalizzato l’attenzione sul disturbo dello spettro autistico con il ProgettoAutismo. Lo stesso nasce nel gennaio del 2012 come conseguenza della presa di coscienza della mancanza di servizi e di informazioni su una patologia estremamente delicata. Da allora uno dei nostri obiettivi è stato quello di promuovere eventi che allargassero i punti di vista sulla conoscenza e favorissero attività di inclusione presso il gruppo dei coetanei.”

“Il percorso di informazione – aggiunge la psicologa Ivana Tidona, responsabile del Progetto Autismo – negli anni ha coinvolto, a vario livello, Scuole, Enti locali, Istituti privati etc. E nonostante il nostro percorso di in-formazione si sia spesso scontrato con delle difficoltà oggettive riguardanti la resistenza mentale della Società (non è facile far passare certi messaggi legati alla disabilità), il Progetto Autismo ha continuato irremovibilmente la propria missione fino ad allentare e a smussare gli spigoli dell’ignoto grazie all’impegno volontario degli operatori specializzati coinvolti.” In occasione della “Giornata Internazionale sulla Consapevolezza dell’Autismo” il ProgettoAutismo scende in campo proponendo un incontro nel quale, prendendo spunto dalla proiezione del film “Quanto Basta” (Falaschi, 2018), si vogliono toccare alcuni aspetti salienti e delicati della vita in presenza di Autismo. Gli stessi aspetti naturali di vita alla presenza di disabilità sembrano svanire per poi emergere da una rete trasparente con irruenza in adolescenza e nell’età adulta con il dopo-noi, e anche qui molto spesso siamo impreparati nel fronteggiarli. Il film, infatti, è lo strumento attraverso il quale si vogliono presentare alcune caratteristiche del disturbo dello spettro autistico (le difficoltà nelle interazioni sociali, le azioni ripetitive e gli interessi ristretti) in una cornice conviviale, tuttavia non tacendo sulle condizioni di difficoltà nella quali si ritrova la famiglia stessa del soggetto autistico. Sarà presentato, inoltre, il fumetto Atypical Friend disegnato dall’artista Deborah Tumino (alis Deb), come strumento fondamentale per trasmettere il messaggio agli alunni delle scuole, promuovendo l’apertura verso quanto definito “diverso” e stimolare una sana curiosità che possa accogliere l’ignoto. Appuntamento previsto, dunque, per domenica 31 marzo 2019 alle ore 18:00, presso l’Auditorium della Chiesa di Santa Teresa a Chiaramonte Gulfi.